Informazioni sulla TOSAP (Tassa per l'occupazione di spazi ed aree pubbliche)

La TOSAP è la tassa dovuta per l’occupazione di spazi ed aree pubbliche.

Cos'è

La tassa per l’occupazione di suolo pubblico è la tassa dovuta da chi occupa stabilmente o temporaneamente, anche abusivamente, suolo o aree pubbliche e comunque beni appartenenti al demanio o al patrimonio indisponibile del Comune (strade, corsi, piazze ecc.). 

Il pagamento va fatto quindi al Comune o alla Provincia a seconda della competenza territoriale ravvisabile in relazione all’area concretamente occupate.

Le occupazioni possono essere di tipo permanente se hanno una durata uguale o superiore all’anno, di tipo temporaneo se hanno una durata inferiore. 

La tassa va pagata anche per l’occupazione degli spazi sovrastanti e sottostanti il suolo pubblico (occupazioni con  tende parasole, condutture e cavi).

L’obbligazione relativa alle occupazioni permanenti è autonoma e per anni solari.

A chi si rivolge

Dal punto di vista tributario gli obblighi si distinguono a seconda che si tratti di occupazione permanente o temporanea.

Resta intesa che, ancorché prima di ottemperare alle prescrizioni di carattere tributario, il contribuente deve seguire la procedura amministrativa per richiedere ed ottenere il titolo che abilita l’occupazione: autorizzazione o concessione, previste dal regolamento comunale per l’applicazione del tributo e dal codice della strada. La richiesta va presentata al Comandante della Polizia municipale.

Gli obblighi di natura tributaria sono due: l’obbligo dichiarativo e quello di pagamento.

Per quanto riguarda le occupazioni permanenti, entro 30 giorni dal rilascio del provvedimento amministrativo e comunque non oltre il 31 dicembre dell’anno del rilascio, il contribuente deve:

  • versare la TOSAP;
  • compilare la denuncia di occupazione;
  • consegnare all’ufficio tributi la dichiarazione di occupazione con la ricevuta del versamento

Per le occupazione temporanee, il termine per il pagamento della tassa coincide con la data di occupazione della stessa, ma per prassi consolidata il pagamento viene richiesto al rilascio dell’autorizzazione.

Accedere al servizio

La tassa si paga in autoliquidazione, nel senso che è il contribuente che deve calcolare l’imposta da versare e provvedere al pagamento entro la data fissata dalla legge (come avviene per l’IMU). Tuttavia è prassi consolidata che i calcoli vengano fatti dalla SECAL.

Per le occupazioni di tipo permanente la legge prevede che il pagamento venga effettuato in unica soluzione entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento.

Se l’importo complessivamente dovuto supera i 258,23 euro il contribuente ha il diritto di pagare in quattro rate con scadenza: 1^ rata entro il mese di gennaio; 2^ entro il mese di aprile; 3^ entro il mese di luglio e 4^ rata entro il mese di ottobre. 

Se l’occupazione è realizzata nel corso dell’anno, le prime rate si accorpano alla prima scadeza utile

Per le occupazioni temporanee il regolamento comunale prevede che il pagamento debba essere effettuato prima di ritirare il titolo abilitativo

Il pagamento deve essere fatto in via prioritaria con il sistema pagopa, per il 2020 potrà essere effettuato anche con bollettino di ccp o con bonifico sul conto corrente dedicato.

Uffici

Area di riferimento

Casi particolari

In caso di omesso o insufficiente versamento si applica la sanzione amministrativa del 30 per cento dell’importo non tempestivamente versata.
In caso di omessa presentazione della dichiarazione si applica la sanzione amministrativa dal 100 al 200 per cento del tributo non versato, con un minimo di euro 50,00.
In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50 per cento al 100 per cento del tributo non versato, con un minimo di euro 50,00.

Nel caso in cui sia stato effettuato un versamento in misura superiore a quella dovuta, il contribuente può richiedere il rimborso all’Ufficio Imu entro 5 anni dal pagamento.
Le domande presentate successivamente sono considerate intempestive.

Siti esterni

Ulteriori informazioni

Tutte le informazioni sul tributo e sulla propria posizione debitoria sono fornite dalla SECAL SPA, a cui è affidata la gestione e la riscossione ordinaria.

Pertanto per maggiori informazioni sarà possibile consultare il sito della SECAL o recarsi presso gli uffici della società previa verifica degli orari.

Per informazioni su avvisi di accertamento o un ingiunzioni fiscali, l’ufficio di riferimento è quello della STEP Srl.

Ultimo aggiornamento

15/02/2021, 18:19